Seleziona una pagina

e-learning: come preparare le risorse umane al futuro del lavoro

e-learning – Quello appena passato è stato un anno particolare sotto tutti i punti di vista: è cambiato il nostro modo di vivere e di lavorare. Il 2021 sarà ancora più “disruptive”?

—Start

Solo 3 anni fa la società di consulenza manageriale McKinsey aveva previsto che il 49% delle mansioni svolte da “persone fisiche” sarebbe stato sostituito da algoritmi e/o robot, non appena le tecnologie lo avrebbero consentito.

Ultimamente, milioni di persone in tutto il mondo hanno dovuto stravolgere le proprie vite per i ben noti problemi dovuti alla pandemia e le previsioni sul cambiamento del mondo del lavoro grazie alla tecnologia, che ci sembravano così assurde un tempo, appaiono ora molto più plausibili.

Intelligenza artificiale (IA), robotica, ingegneria genetica… Tutto sta cambiando velocemente.

Come rimanere al passo con i tempi?

L’innovazione tecnologica porta innovazione in ogni campo e, soprattutto, impone una presa di coscienza sulla necessità di innovare processi e metodi di formazione del personale!

Webinar HRTech

Magari attraverso la formazione online (e-learning)che permette di conciliare lavoro, smart-working, aggiornamento professionale e apprendimento continuo.

Il futuro prossimo

Secondo gli esperti al World Economic Forum, la pandemia ha accelerato i processi di automazione industriale e, entro il 2025:

  • Il ritmo di adozione della tecnologia dovrebbe rimanere invariato e potrebbe accelerare in alcune aree. L’adozione del cloud computing, dei big data e dell’e-commerce rimangono le priorità principali per le aziende, una tendenza stabilita negli anni precedenti. Tuttavia, c’è stato anche un significativo aumento dell’interesse per la crittografia, i robot non umanoidi e l’intelligenza artificiale.
  • il 43% delle aziende prevede di ridurre la propria forza lavoro a seguito dell’integrazione di nuove tecnologie nei processi di produzione, il 41% di espandere il proprio utilizzo di contractor esterni e il 34% di necessitare un maggior numero di impiegati per poter gestire e utilizzare al meglio la tecnologia;
  • le mansioni routinarie caleranno dal 15,4% della forza lavoro al 9% (-6,4%) e le professioni emergenti cresceranno dal 7,8% al 13,5% (+5,7%);
  • l’84% dei datori di lavoro è destinato a digitalizzare rapidamente i processi di lavoro, compresa una significativa espansione dello smart working, con il potenziale di spostare il 44% della propria forza lavoro per operare a distanza.
  • 85 milioni di posti di lavoro potrebbero essere sostituiti in seguito a una diversa suddivisione del lavoro tra uomo e macchine e potrebbero emergere 97 milioni di nuovi posti di lavoro con professionalità più adatte ai nuovi assetti organizzativi aziendali;

Questo è quanto emerge dal recente rapporto del World Economic Forum, intitolato Future of jobs 2020.

LMS

A causa di questa accelerazione, le aziende ricercano sempre più fortemente candidati che possiedano determinate qualità, ma non riescono a trovare le persone giuste perché prive della formazione necessaria.

Bisognerà formare la propria forza lavoro, le risorse umane già presenti in azienda, al fine di essere competitivi e stare al passo con i tempi e con l’innovazione tecnologica galoppante, che vuol dire cambiamento repentino e imprevedibile.

Unioncamere stima che nel nostro paese ci sarà bisogno di 2.5 milioni di occupati in più, mentre il 75% delle aziende italiane dichiara che, per fare fronte alla crisi generata dal Covid-19, metterà in campo azioni di reskilling del personale già presente in azienda.

Sfruttiamo questa opportunità per migliorare la competitività della nostra azienda. Un’azienda competitiva non è quella che ha il prodotto migliore, ma quella che ha al suo interno le migliori competenze!

Non a caso, il World Economic Forum stima che il 50% dei lavoratori dovrà aggiornare le proprie competenze entro i prossimi 5 anni e si calcola che chi vorrà mantenere il proprio impiego e restare competitivo nel mercato del lavoro dovrà necessariamente aggiornare le proprie skill. Quindi…

Le aziende che sapranno capire le necessità dei propri dipendenti, riguardo a carriera e crescita professionale, ne sono certo, vinceranno la sfida!

eBook HRTech
Perché e-learning

Il nuovo karma per ogni CEO è: innovare le competenze della forza lavoro per innovare l’azienda e rimanere competitivi.

Lavorare in un’azienda pronta ad avviare percorsi di formazione per migliorare ed aggiornare le competenze delle proprie risorse, è una fortuna. Ma spesso questo non accade e riuscire a formarsi diventa davvero difficile.

L’esigenza maggiore è quella di fruire di corsi formativi in qualsiasi momento. È possibile?

Grazie alle nuove tecnologie, la formazione a distanza rappresenta la soluzione in grado di soddisfare questa ed altre esigenze, tanto da vedere un vero e proprio boom nel mercato.

Sempre più aziende, infatti, sono attratte dalle enormi opportunità offerte dalle piattaforme di e-Learning grazie alla loro accessibilità, ripetibilità, engagement del personale in formazione, ritorno di investimento, facilità di fruizione e metodologie di apprendimento innovative.

Bisogna considerare però l’altra faccia della medaglia: seppur si tratti di un metodo di formazione intelligente ed efficace, spesso si incorre in errori di valutazione nella scelta dei giusti progetti e metodologie di gestione. Per questo motivo, è sempre consigliato rivolgersi a specialisti del settore, che possano guidare un’azienda (o il singolo utente) verso la giusta strategia formativa.

L’imperativo nel 2021 sarà quello di adottare un approccio dinamico alla riqualificazione e riallocazione dei talenti, in modo da identificare quali competenze sviluppare nel momento giusto.

Webinar HRTech
Soft Skill: le chiavi per il mondo del lavoro

Nei prossimi anni, lo sappiamo bene, ci sarà una richiesta incalzante di nuove professioni: esperti di Intelligenza Artificiale, Machine Learning e Big Data; ingegneri informatici; sviluppatori di software e coding; professionisti dell’IOT, la cosiddetta internet of things (domotica e altro); esperti di comunicazione digitale, e-commerce e marketing digitale; specialisti dei processi di automazione; specialisti della trasformazione digitale; analisti della sicurezza informatica. Nell’industria, le figure più ricercate saranno nell’ambito della robotica e della stampa in 3D.

Possedere competenze trasversali, quindi, sarà ancora più strategico per un professionista e per l’azienda in cui lavora.

Inoltre, non bisogna dimenticare che le cosiddette soft skill siano destinate ad avere un impatto determinante anche sulle retribuzioni (potrebbero incrementare uno stipendio di oltre il 40%!).

In fase di assunzione, per esempio, un candidato viene valutato anche per la sua capacità di far fronte allo stress, ai cambiamenti, ai rapporti con le altre persone (che siano colleghi o superiori), e non solo per le conoscenze tecniche che possiede.

Inutile dire che la maggior parte di queste abilità possono essere sviluppate e potenziate proprio con l’e-learning.

A tal proposito, bisogna assolutamente ricordare che i vantaggi offerti dall’e-Learning non riguardano solo la formazione umanistica, ma anche la formazione tecnica: è possibile ottenere corsi online “su misura” per rispondere in modo preciso ed efficace agli obiettivi formativi aziendali.

Non ci si può più sbagliare: il futuro della formazione in azienda è online.

Alla prossima e buon lavoro a tutti noi!

Agostino

 

Agostino Marengo è Co-Founder di Osel (osel.it), Docente Universitario e Ingegnere meccanico. Agostino è attivo nel settore dell’online learning dal 1997, quando ha fondato il suo gruppo di studio chiamato OSEL: Open Source e-learning. Nel 2009 ha fondato la sua start-up, Osel, come Spin-off company dell’Università degli Studi di Bari. Da allora Osel supporta le maggiori aziende nazionali ed internazionali, offrendo prodotti e servizi e-learning ad elevata qualità.
Maggiori informazioni su https://www.agostinomarengo.com/agostino-marengo/

Share this post

eBook HRTech
Potrebbe interessarti…
5 benefici del Microlearning nel training in azienda

5 benefici del Microlearning nel training in azienda

Il termine microlearning è ormai diffuso in ambito formazione/training/e-learning. Come per ogni trend importante, anche per il microlearning si fa fatica ad orientarsi ed a capire come abbracciare questa “onda”.

Intelligenza Artificiale nei colloqui di assunzione

Intelligenza Artificiale nei colloqui di assunzione

Intelligenza Artificiale nei colloqui di selezione.
Fare bella figura con un potenziale datore di lavoro spesso richiede qualcosa in più di un semplice curriculum: personalità, carattere, consapevolezza, determinazione. Ma come fare per impressionare un algoritmo? Sarà tutto molto diverso? Cerchiamo di capirci qualcosa.

 HR Trend e Prospettive 2021

 

Human Resource Technology per il Digital Learning

 

eBook gratuito direttamente nel tuo inbox!

 

Congratulazioni! HRTech Trend 2021 è stato inviato al tuo indirizzo e-mail!