Seleziona una pagina

I vantaggi del Mobile Learning nello Smart Working post lockdown

L’estremo cambiamento delle abitudini lavorative, conseguenza del lockdown, ha rafforzato la visione di cambiamento verso lo Smart Working e il Mobile Learning come connubio in una strategia vincente di riposizionamento sul mercato.

—Start

Negli ultimi cinque anni abbiamo assistito a un costante aumento dell’integrazione della formazione e-learning in generale e mobile in particolare, nei contesti di formazione aziendale.

Una cospicua percentuale di dipendenti stabilmente in Smart Working e la maggior parte dei corsi di formazione trasformati in Digital Learning. Questo vuol dire ottimizzazione delle risorse, del budget, delle performance.

Punta di diamante di questa strategia sta nell’utilizzo dei dispositivi mobile, Smartphone e Tablet utilizzati nel Corporate Digital Learning.

Webinar HRTech

Due vantaggi importanti, sia per l’azienda che per gli utenti:

  1. Da un lato le aziende possono contare sul “Bring Your Own Device” (porta il tuo dispositivo con te al lavoro/casa/smart working), così che i dipendenti possano svolgere i corsi sui loro smartphone o tablet, comportando un’enorme riduzione della spesa in formazione.
  2. Sotto un altro aspetto, la diffusione dei contenuti tramite la tecnologia più utilizzata dagli utenti, si traduce in un training sincronizzato e definito sui loro bisogni e sulle loro preferenze.

Vediamo insieme alcuni specifici vantaggi dell’adozione di una strategia di apprendimento mobile.

1. Orientamento

L’apprendimento su mobile incontra le preferenze degli utenti, che sono ben contenti di utilizzare i propri dispositivi in qualsiasi momento e dovunque.

Ciò garantisce anche che apprendano qualcosa quando realmente ne hanno la necessità, escludendo tutti quei momenti formativi irrilevanti e che causano dispersione dell’informazione.

L’azienda deve entrare in sintonia con i dipendenti e la formazione, a tal proposito, non dovrebbe mai essere vista come un obbligo.

LMS
2. Flessibilità

L’apprendimento in ambiente “mobile” ha modalità tutt’altro che rigide, permettendo l’utilizzo di contenuti in micro-learning e l’implementazione di elementi coinvolgenti a supporto, come la gamification, i video interattivi, l’integrazione con le app, le notifiche push, il tutto volto ad aumentare l’engagement dell’utente.

I contenuti sviluppati per il mobile learning possono inglobare ulteriori elementi multimediali come le animazioni, le risorse audio (per esempio i podcast), le infografiche ecc.

In senso più ampio, la flessibilità si ritrova anche nei molteplici ruoli assunti oggi dai dispositivi portatili, che possono essere utilizzati sia per progetti di digital training che per il supporto alla formazione classica, alla valutazione e al monitoraggio delle performance.

 
 
eBook HRTech
3. Comfort

Oggigiorno chiunque usa uno smartphone che sia per comunicare, per ottenere informazioni, per svagarsi, per monitorare l’allenamento, l’andamento dei propri titoli in borsa ecc.

Per tutti è ormai un ambiente familiare, dal facile accesso, si potrebbe dire ‘confortevole’ ed è risaputo che ognuno di noi dà uno sguardo fugace al proprio smartphone anche decine di volte nel giro di un’ora, durante l’orario lavorativo.

Sarebbe un vero spreco non sfruttare il coinvolgimento di un tale supporto per veicolare tempi morti e distrazioni in qualcosa di produttivo.

Webinar HRTech
4. Divertimento

La gamification e di conseguenza i serious game e i business game, sono ormai parte essenziale di ogni progetto in digital training che si rispetti.

Sui dispositivi mobile, in ambito prettamente ludico, la fanno da padrone i “casual game”, come Clash Royale o Candy Crush, videogiochi progettati ad hoc per i device portatili e con un alto ‘addicting level’, i quali possono tenere incollati ore e ore gli utenti. Il trucco di un team di L&D che sviluppi progetti di training su mobile è proprio quello di veicolare lo stesso livello di attrazione dei casual game all’interno di un progetto di digital training, naturalmente con lo scopo più nobile e utile di formare i dipendenti. 

Giocare per imparare e la legge imprescindibile del “learning by doing” trovano nel Mobile un ambiente fertile.

 
 

Il mobile training dunque è un’ottima strategia formativa, che può orientare all’apprendimento gli utenti rispettando i bisogni e le esigenze di ognuno grazie alla flessibilità, alla familiarità con i dispositivi e con il valore aggiunto del learning by doing.

Ancora più strategico se affiancato allo Smart Working.

Alla prossima e buon lavoro a tutti noi!

Agostino

 

Agostino Marengo è Co-Founder di Osel (osel.it), Docente Universitario e Ingegnere meccanico. Agostino è attivo nel settore dell’online learning dal 1997, quando ha fondato il suo gruppo di studio chiamato OSEL: Open Source e-learning. Nel 2009 ha fondato la sua start-up, Osel, come Spin-off company dell’Università degli Studi di Bari. Da allora Osel supporta le maggiori aziende nazionali ed internazionali, offrendo prodotti e servizi e-learning ad elevata qualità.
Maggiori informazioni su https://www.agostinomarengo.com/agostino-marengo/

Share this post

eBook HRTech
Potrebbe interessarti…
5 benefici del Microlearning nel training in azienda

5 benefici del Microlearning nel training in azienda

Il termine microlearning è ormai diffuso in ambito formazione/training/e-learning. Come per ogni trend importante, anche per il microlearning si fa fatica ad orientarsi ed a capire come abbracciare questa “onda”.

 HR Trend e Prospettive 2021

 

Human Resource Technology per il Digital Learning

 

eBook gratuito direttamente nel tuo inbox!

 

Congratulazioni! HRTech Trend 2021 è stato inviato al tuo indirizzo e-mail!